Covid e Dpcm, il governo non esclude la chiusura natalizia. Trasporti, altri controlli

Il governo non esclude la chiusura natalizia.  Trasporti, altri controlli

Il record assoluto di infezione, 7.332 nuove infezioni positive in ventiquattr’ore che non erano state registrate nemmeno durante il blocco più duro, ha fatto scattare l’allarme. Il governo ha tenuto conto dell’escalation dell’epidemia, quindi ha deciso l’inasprimento definitivo con la nuova epidemia Dpcm. Ma se la situazione si aggrava ulteriormente “adotteremo subito altre misure restrittive per contenere la diffusione del virus”, dice uno dei ministri, “e le prime a farlo saranno le zone più colpite”. Covid-19.

Conte: Chiudi a Natale? Non faccio previsioni. Potenziali restrizioni regionali

Nuovo Dpcm Meloni: ‘Combatteremo azioni sciocche’

Coronavirus, un ostacolo sull’orlo del collasso: “Queste regole sono chiuse”

Modello Paris
Tra le misure previste, non ci sarà alcun blocco nazionale, con attività di produzione vietate. Se l’ondata dell’epidemia aumenterà vertiginosamente, come in Francia, ci sposteremo verso l’inasprimento delle misure “regionali” e il coprifuoco in città (dopo le 21, come a Parigi) per ridurre le possibilità di contagio. Sono stati presi in considerazione anche ulteriori provvedimenti, a partire dalla riapertura di maggio: le prime cose da chiudere saranno i luoghi di ritrovo e il maggior “rischio contagio”, ovvero cinema, teatri e palestre; Poi vengono i saloni di bellezza e i parrucchieri. Infine, toccherà ai bar e ai ristoranti. Gli ultimi a chiudere saranno i negozi. Ma non dipende, infatti, da fabbriche e aziende. Per quanto possibile per le scuole: il proseguimento dell’anno scolastico resta, per il momento, “l’ultima trincea” del governo.

A Giuseppe Conte però non piace “diffondere il panico”. Non è andata così bene la sortita del virologo Andrea Cresante, preannunciando la possibilità di una chiusura generale del Paese “durante le vacanze di Natale”. Tant’è che da Capri, poco dopo, il Presidente del Consiglio ha redatto il verbale della riunione: “Non prevedo il Natale, ma mi aspetto le misure più adeguate e sostenibili per evitare il blocco. Ma dipenderà molto dal comportamento degli italiani.

READ  30 Le Migliori Recensioni Di Libri Scolastici Usati Scuole Superiori Testato

Ha avvertito che “questo è un gioco in cui tutti vinciamo, altrimenti perdiamo tutti”. “Non si può pensare alla presenza del governo per risolvere il problema. È stata l’intera comunità nazionale che ci ha permesso di affrontare le tappe più difficili e ne è uscita vincitrice. E smettiamola di fare discorsi e discussioni astratte. Dobbiamo essere concreti, la salute va tutelata: se il numero dei contagiati in terapia intensiva aumenta, avremo di nuovo difficoltà. Dobbiamo fermare questa curva, e per farlo è necessario rispettare le regole “.

Il nuovo appeal degli italiani è stato accompagnato da un’analisi inquietante della situazione: “Questa curva continua, che sta lentamente ma gradualmente crescendo. Questo è il motivo per cui abbiamo adottato misure restrittive e non siamo rimasti soddisfatti. Altri, inoltre, possono essere presi dai territori. Oggi c’è questo nuovo massimo, ma c’è anche un record di sbavature. È chiaro che è una situazione di cui non possiamo fare a meno di preoccuparci “.

Ma il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, consiglia cautela: “Siamo preoccupati, ma non c’è paura: la situazione oggi è diversa da marzo ad aprile. Si rafforzano le reti sanitarie regionali, aumentano le cure intensive e semi-intensive e il sostegno agli sforzi in corso. Ma più di ogni altro. Tempo fa, ora è necessaria più cautela. Il virus è tra noi e si sta muovendo rapidamente. “E un altro ministro aggiunge:” Rispetto al picco del 21 marzo, quando si sono verificate 6.557 nuove infezioni rispetto ai soli 26.336 tamponi “, la situazione è più rassicurante: 152.196 tamponi sono stati effettuati martedì con L’indice di infezione si attesta a 4,8, a marzo l’indice era del 25%.

READ  30 Le Migliori Recensioni Di Carte Pokemon Box Testato

Fronte di trasporto
Tuttavia, l’avvertimento rimane. La notizia arriva sul fronte dei trasporti che, con i raduni nelle stazioni, rischia di essere il vero tallone d’Achille delle misure anti-Covid. In un incontro tra il ministro Paula de Micheli e rappresentanti delle autorità locali e delle aziende di trasporto, si è deciso di lasciare invariata la quota di passeggeri all’80% rispetto alla capacità consentita su autobus, metropolitane e treni. Questo perché, secondo la certificazione del sindacato delle aziende di trasporto comunali e private, ridurre la capacità al 50% (il limite proposto dal Comitato Tecnico e Scientifico) lascerà a piedi circa 275.000 passeggeri al giorno.

Per ridurre le possibilità di contagio e quindi di raduni, De Micheli, Regioni e sindaci hanno concordato sulla necessità di un maggior numero di diplomi agli ingressi delle scuole, insieme alla possibilità di adottare misure simili per uffici pubblici e negozi. Ed è stato deciso di aumentare i controlli nelle stazioni per evitare la congestione e per aumentare i mezzi di “strade più tese, oltre a ricorrere a persone e autobus turistici”. Regioni e comuni non hanno richiesto ulteriori fondi. Almeno per ora.

Ultimo aggiornamento: 00:42


© Riproduzione riservata

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Formula1Passion.it