L’Italia entra in finale agli Europei dopo un thriller

L’Italia ha continuato la sua corsa di successo nel campionato europeo di calcio ed è stata la prima squadra a raggiungere la finale. Gli ottavi di finale dell’Austria hanno battuto la Spagna 4-2 ai rigori in semifinale allo stadio di Wembley a Londra martedì sera. Dopo 90 e 120 minuti, il punteggio è 1-1 dopo i gol di Federico Chiesa (60) e Alvaro Morata (80). L’ultimo vincitore di domenica a Londra è il vincitore del duello di mercoledì tra Inghilterra e Danimarca.

Gli spagnoli hanno mancato la terza finale nelle ultime quattro edizioni del Campionato Europeo, dopo aver vinto il titolo nel 2008 e nel 2012. Nella quinta semifinale della competizione continentale, gli iberici sono stati sconfitti per la prima volta. D’altronde il quattro volte iridato potrebbe sognare un secondo titolo europeo dopo il 1968 dopo il clamoroso calcio di rigore in cui solo Manuel Locatelli inizialmente ha perdonato e Jorginho ha utilizzato l’ultimo rigore. Responsabile anche del portiere Gianluigi Donnarumma, che ha bloccato l’offerta di Morata. Dani Olmo ha sparato anche da oltre il cancello.

Reuters

Federico Chiesa ha portato l’Italia in vantaggio per 1-0.

Foto: Afp

Con gli italiani, l’allenatore Roberto Mancini ha dovuto fare un cambiamento. Come previsto, Emerson ha sostituito Leonardo Spinazzola, operato dopo la rottura del tendine d’Achille. Altrimenti, questi giocatori hanno avuto una possibilità che hanno iniziato nei quarti di finale con una vittoria per 2-1 sul Belgio. Gli spagnoli avevano tre nuovi giocatori nella formazione iniziale. Due di loro sono all’attacco. Olmo ha fatto irruzione al posto del ferito Pablo Sarabia e ha favorito Mikel Oyarzabal su Morata. Eric Garcia ha iniziato al centro della difesa, il Villarreal Pau Torres ha dovuto sedersi in panchina rispetto all’eccitazione e all’attacco contro la Svizzera.

READ  30 Le Migliori Recensioni Di Vestiti Carnevale Ragazza Testato

Come previsto, gli spagnoli hanno avuto più possesso di palla, ma in generale si è sviluppato un gioco molto intenso e aperto, segnato anche da scarse occasioni da entrambe le parti. Ciò ha avuto a che fare anche con la buona performance delle due classi difensive. È stato pericoloso per la prima volta al 21′ quando Emerson ha passato la palla oltre il portiere spagnolo Unai Simon. Dopo la sua scomparsa, né Ciro Immobile né Nicolò Barella sono giunti alla conclusione. Quattro minuti più tardi, invece, Donnarumma deve primeggiare nell’unico momento prima dell’intervallo con un gol di Olmo. Poco prima dell’intervallo, Emerson manca la traversa da un angolo acuto.

I tifosi dell'Italia hanno esultato dolcemente per la finale

Guarda la galleria

Immagine 1/39
Galleria fotografica: i tifosi italiani hanno applaudito magnificamente per la finale

Foto: Marco Bertorello (AFP)

Dopo l’inizio del secondo tempo, molto è stato mostrato agli spettatori sin dall’inizio. Giovanni Di Lorenzo ha salvato prima del tiro pronto Ferran Torres (50esimo posto), con il tiro di Sergio Busquets che non ha mancato molto (52esimo posto). Poi il cancello cadde dall’altra parte. Dopo un veloce contropiede su cinque stop, Immobile non riesce a concludere il match, ma Chiesa afferra il pallone, lo trascina in area di rigore e colpisce volutamente l’angolino lontano.

La reazione della Spagna è seguita quasi immediatamente, Oyarzabal ha sbagliato un colpo di testa dalla posizione migliore (65), e Olmo non ha colpito la palla correttamente, quindi il suo tiro è andato troppo lontano (67). Ma gli italiani, che ormai avevano trovato più stanze, avrebbero potuto chiudere il sacco per sempre. Dopo alcune dolci preparazioni per Chiesa, Domenico Berardi ha fallito a causa di Simon, che ha risposto brillantemente con il piede (68).

Questo dovrebbe vendicarsi, perché Morata è emerso come il “Joker”. L’attaccante bianconero si è messo al lavoro e ha sfruttato duramente la prima occasione dopo l’uno a due con Olmo. Pertanto, la partita è andata ai tempi supplementari, con entrambe le squadre più preoccupate per la sicurezza. La Spagna era più vicina alla vittoria. Donnarumma para una punizione bassa di Olmo, e il margine di Morata (98.) viene bloccato. Così è stato anche quattro minuti dopo il tiro di Llorente. L’Italia si rende pericolosa solo una volta con la parata di Berardi (110).

Con un finale migliore per l’Italia ai rigori, la squadra è rimasta imbattuta per la 33esima volta consecutiva. Contro la Spagna ha vinto come negli ottavi di finale di EM 2016 (2-0). Quattro anni fa, era chiaro che la Roja aveva avuto il sopravvento 4-0 nella finale del 2012.

Italia – Spagna 1: 1 (1: 1,0: 0) nV, 4: 2 iE

Rip: 1: 0 (60.) Chiesa, 1: 1 (80.) Morata

Sanzioni: Locatelli, Olmo Over, Belotti 1:0, Moreno 1:1, Bonucci 2:1, Thiago Silva 2:2, Bernadice 3:2, Morata, Jorginho 4:2

Italia (4-3-3): Donnarumma – Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson (74. Toloi) – Barella (85. Locatelli), Jorginho, Verratti (74. Pessina) – Chiesa (107. Bernardeschi), Palazzo (61 .) . . Berardi), Insigne (85. Belotti)

Spagna (4-3-3): Simone; Azpilicueta (85. M. Llorente), Garcia (109. P. Torres), Laporte, Alba; Cook (70. Rodri), Busquets (106. Thiago), Pedri; Ferran Torres (62. Morata), Oyarzabal (70. Moreno), Olmo

Gelb: Toloi, Bonucci; Busquet

Londra, Wembley, 57.800; perire (d)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Formula1Passion.it