Nadal batte Djokovic e il numero 20, Rolan Garros, vince lo slam

Lo spagnolo batte il serbo 6-0 6-2 7-5 e segna il record. Un gioco a senso unico in cui Nol fa molti errori

Quindici anni dopo il suo primo successo a Parigi, il brutale Rafael Nadal ha sconfitto il Roland Garros per la tredicesima volta sconfiggendo il numero uno del mondo Novak Djokovic in una finale senza data (6-0, 6-2, 7-5). Un successo storico che ha permesso a maiorchino di raggiungere 20 grandi tornei, e ha vinto inseguendo Roger Federer che ha raggiunto 20 campionati di pace vincendo l’Australian Open 2018. Rafa è stato semplicemente esemplare, atletico senza precedenti e coraggioso come sempre. A Nole, invece, mancava lo slancio alle gambe e la sicurezza dei rimbalzi che Rafa ha fermato, soprattutto nella parte posteriore. Per la quarta volta nella sua carriera, Rafa ha vinto Brolan Garros senza perdere un set: è successo anche nel 2008, 2010 e 2017. Un campione semplicemente brutale ancora affamato di vittoria.

Il primo gruppo

Prima partita di Djokovic e prima vittoria a palla corta che viene poi superata giocando un ottimo punto con palla corta, lancio di palla e un ultimo rovescio. Ma Rafa sicuramente non sta guardando, e con un rovescio incredibile, raggiunge il suo avversario con vantaggi e poi ottiene il suo primo break point nella partita vincendo un altro scambio emozionante. Non chiude il telaio delle marcature e poi sbaglia un rovescio per spezzare Rafa. Noll sembra fare più cose, ma Rafa è irresistibile sulle diagonali da dietro, confermando un vantaggio per 2-0 e poi con un doppio fallo del serbo che raggiunge la doppietta per salire sul 3-0. La prima volta, il telaio esegue il disegno ovattato, passa e vai, e nella seconda posiziona il rovescio in griglia e lo spagnolo sta già correndo da solo. Rafa si muove meglio del serbo, fa meno errori e sceglie sempre la soluzione migliore; Con un breve counterball, Nol ne approfitta e arriva addirittura al break point che Rafa annulla. Tre turbolenti scambi di una partita di fantascienza, terminata con Aas Rafa al centro per una vittoria per 4-0. Sono tutte partite difficili, ma con il turbo invertente Rafa sale da terra 5-0. Per la dodicesima volta in carriera (la seconda contro Rafa dopo 6-0 4-6 e 6-1 nella finale di Roma 2019), Nol ha subito 6-0; Sei volte di queste volte è riuscito a vincere la partita. Dal 2008, in finale Nadal-Federer 6-1 6-3 6-0, il Paris non giocava la finale con un girone 6-0.

READ  30 Le Migliori Recensioni Di Dizionario Spagnolo Italiano Testato

La stessa musica

Il secondo set inizia con tre break point per Rafa Nol da annullare con i denti. Ora il serbo si muove meglio, colpisce meglio e fa girare la palla più velocemente. Il numero 1 del mondo sbaglia la prima di servizio e nella risposta non c’è il solito giocatore che tutti conoscono. Nell’1-1 della seconda partita, per il quinto giro di servizio consecutivo, Nol ha subito un punto di rottura che avrebbe annullato colpendo due linee: prima in corsia e poi sulla linea di fondo. Alla lunga, però, paga il prezzo degli errori con un diritto e una difesa che portano il primo tempo in vantaggio per 2-1. Djokovic estremamente passivo regala al maiorchino il 4-1 che annulla con il primo pallone dell’incontro, ma Nadal fa un punto impressionante restituendo una palla corta che gli regala un nuovo break point. Il nastro si allarga per il dritto di Djokovic e lo spagnolo vola in avanti 6-0, 4-1. Rafa è velocissimo nelle gambe, il serbo non riesce a contenerlo e si ritira 5-1. Dopo 1 ora e 26 minuti, Nol estende il set mancante. Ci è riuscito, ma nel 5-2 Rafa ha tenuto chiusa la striscia a 30 al terzo set point. Il finale sembra piuttosto ripido.

Fine

La campana di Djokovic suona, all’ultimo giro, la campana dell’orologio o mai più, all’inizio del terzo set. La palla del gioco è sempre nelle mani dello spagnolo, che ha la palla nel terzo tempo per fare il break che Nol annulla. Adesso il serbo sembra essere cresciuto un po ‘, mentre cerca di mettere in difficoltà Nadal, che tira uno dei suoi primi smorzatori di vittorie. Lo spagnolo mantiene la traversa a 30 e nel match successivo strappa la traversa a zero al sempre più giovane Djokovic. La reazione di Nol arriva nel sesto game quando ha costretto Nadal a giocare un break point point nel quinto game del primo set. Rafa però recupera un break point e costringe il serbo a commettere fallo. C’è ancora un punto di tregua per Nole e questa volta è il contropiede che regala il primo tempo al serbo, che ribatte per tre volte l’avversario. Djokovic urla con tutta la sua rabbia per la prima volta nella partita, portando 4-3, ma Rafa resta fedele. Il tono del gioco si alza e si illumina. A parità di 4, Rafa raggiunge la palla che lo manda a servire per la partita, ma Nol, che lo trasporta, lo attacca e si alza 5-4. Al pareggio 5, Djokovic perde il vantaggio, commette un doppio fallo sul break point e Nadal, dopo 2 ore e 38 minuti va a servire il match. Nol è andato avanti a 17.51, ha segnato l’asso di Rafa, che gli ha dato lo slam n. 20. Nelle 13 finali vinte da Nadal a Parigi, lo spagnolo ha perso 16 partite contro Puerta, 17 contro Federer nel 2006, 16 contro Federer nel 2007, 4 contro Federer nel 2008, 10 contro Söderling, 19 contro Federer nel 2011, 18 contro Djokovic nel 2012, 7 contro Ferrer, 17 contro Djokovic nel 2014, 6 contro Wawrinka, 9 contro Tim. 2018, 12 contro Tim nel 2019 e ora solo 9 contro Djokovic.

READ  Campioni di roccia dalla perseveranza della NASA indicano la presenza di vita aliena su Marte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Formula1Passion.it